EXPAT MOM VIAGGI

IL CONGRESSO SECONDO MERDOLO

…<In questi giorni sono stato in viaggio con quei due tizi che vivono in casa mia, quella magretta con i capelli lunghi, che è al mio servizio e quello che arriva sempre tardi la sera, quando mangio e che poi faccio giocare, così si diverte, prima di andare a dormire; i due rispondono al nome di mamma e papà.

Mi hanno portato in un bel posto su un grande lago, chiamato Sacacomie ,circondato solamente da una gialla foresta, un posto un po’ sperduto e lontano dai rumori della città, infatti mi sono sparato una gran bella dormita. C’era un sacco di gente, non ho ben capito cosa ci facessero lì tutte quelle persone; parlavano in modo strano, con quella lingua che usano mamma e papà quando siamo fuori casa, dicono fossimo ad un congresso di medici e parlavano di bisturi, operazioni e di tagliare… infatti papà è andato a seguirlo con attenzione, così magari è la volta buona che impara a tagliare la carne a pezzi piccoli piccoli come piace a me, se no faccio troppa fatica a masticare, mi stanco e non mangio più.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mentre papà era a studiare nuove tecniche di taglio e ad esporre le sue io e la magretta siamo andati a fare una bella passeggiata nei boschi. Io guardavo tutto con attenzione dall’alto; infatti, la mamma mi portava a spalle nello zaino, in modo da non stancarmi troppo. Poi, finalmente, è arrivato papà e mi ha preso lui sulle spalle, probabilmente la mamma era stanca; non ha il fisico, non sono mica io che peso. Quando ero io ad essere stanco loro camminavano e io dormivo, così eravamo tutti contenti. Mi sono arrabbiato perché mentre giocavo con i sassolini in riva al lago non me li hanno lasciati mangiare, la magretta è noiosa mi dice sempre: –no questo no, non mangiare i sassolini, non giocare con il fango-. Uffa che strazio, non si può fare niente con questa qui, non ha ancora capito che io sono in missione, sto scoprendo il mondo e voglio un po’ di libertà. Però al posto dei sassolini mi hanno dato una tortina ai mirtilli che non era niente male… anzi era talmente buona che anche un topo con la coda lunga è venuto a vedere cosa mangiavo. Anche in città ci sono i topi con la coda lunga, ma sono più piccoli e non rossi e la mamma li chiama “scoiattoli“, chissà perché.

Sacacomie1

Girare con quei due è pericoloso vi avverto, mi hanno portato sul bordo di un precipizio che se cadevo sai quanto mi facevo male?! Questo però me l’hanno raccontato dopo in camera, perché io ero precipitato nel sonno. Durante la passeggiata nel bellissimo bosco tutto giallo (-senti che buon odore di sottobosco– ripeteva papà) mi sono tanto spaventato per un graaande rumore, un brumbrum fortissimo seguito da uno splash. Mamma ridendo, mi ha detto: -Merdolo ma stai tranquillo, è solo un idrovolante che atterra nel lago- io non ho capito di cosa stesse parlando, ma voi non diteglielo che poi mi prende in giro.

scacomie 2Alla sera i due mi hanno lasciato, insieme ad altri bambini, con una ragazza tanto simpatica a giocare perché dovevano andare.. boh non me lo ricordo. Io però mi sono divertito, ma poi ero stanco così ho fatto la nanna, tanta credo, quando mi sono svegliato c’era il sole e i due pisquani erano di nuovo con me. Ma la ragazza simpatica dov’è finita? Non l’ho chiesto a mamma e papà, mi sono distratto perché a colazione mi hanno dato una buona tortina alla frutta e crema. Belle queste gite, devo dire ai due di farmele fare più spesso, più gite più tortine! Forse è ora che cominci a parlare con quei due, non l’ho ancora mai fatto. Ma non ditelo in giro che invece a voi ho raccontato tutto! 😉 >

Ciao ciao da Merdolo


A Sacacomie il Foliage è giallo per la maggior presenza di frassini e betulle mentre a Lac Rognon il colore predominante è il rosso, data la maggior concentrazione di aceri.  Nota della magretta.

Per informazioni e prenotazioni Hotel Sacacomie Saint-Alexis-des-Monts, QC.

You Might Also Like

16 Comments

  • Reply
    Claudia
    ottobre 14, 2014 at 6:47 am

    Bella Merdolo, meno male che ci sei anche tu a scrivere qui… sai che strazio a leggere sempre quello che scrive la magretta? hihih

  • Reply
    Claudia
    ottobre 14, 2014 at 11:46 am

    Merdolo sei un grande… tu continua a scoprire il mondo: quando poi pronuncerai la parola scoiattolo la magretta si sciogliera` ancora di piu` ( cotolo, tichilo… qualunque versione sceglierai la magretta capira`!!!)

    • Reply
      mammacongelo
      ottobre 14, 2014 at 1:42 pm

      sarebbe anche ora parlasse un po’! 😉

      • Reply
        Claudia
        ottobre 14, 2014 at 2:02 pm

        mahh? davvero lo vuoi? sei sicura di essere pronta a migliaia di PERCHE`???? perche` andiamo al supermercato? perche` gli uccelli volano? perche` papa` lavora? scherzo naturalmente: mia figlia “culo pesante” ma parlantina veloce..nonostante il bilinguismo. da allora non ha piu` smesso, meno male neanche ora!

  • Reply
    elle
    ottobre 14, 2014 at 12:38 pm

    ciao, ti leggo da un po’ ma commento per la prima volta.
    siete uno spasso, bravi!

    • Reply
      mammacongelo
      ottobre 14, 2014 at 1:44 pm

      Grazie, un po’ tragicomici probabilmente 🙂
      Non essere timida, commenta quando vuoi! 🙂

  • Reply
    Giulia
    ottobre 14, 2014 at 1:44 pm

    Oddio! Se merdolo ti chiama magretta a me Ciccio mi chiamerà “quella cosa grassa” 🙁
    Intanto manco mamma e papà dice. Che figli pigri che abbiamo

    • Reply
      mammacongelo
      ottobre 14, 2014 at 2:36 pm

      No tu per lui “sei ‘na cosa bella!”.
      Pigrissimi!!

  • Reply
    giovanna goffi
    ottobre 14, 2014 at 3:10 pm

    sei una grande!!!!!! il libro lo trovo nelle librerie in Italia?????? mi piacerebbe leggerlo…. ho cercato anche su ibooks da Ipad ma non l’ho trovato….

    • Reply
      mammacongelo
      ottobre 14, 2014 at 3:19 pm

      Il libro esce proprio oggi nelle librerie in Italia. Per la versione kindle bisognerà attendere un po’. Lo trovi già in versione cartacea su amazon, al 4° posto in classifica fra le novità!! Ma guarda che il mio è solo un piccolo contributo!! 😉

  • Reply
    mimma
    ottobre 14, 2014 at 4:41 pm

    anch’io spesso mi immaginavo cosa avrebbe detto mia figlia. Sicuro mi chiamerà mamma pasticciona…ed è stato proprio così. Poi quando ha iniziato a parlare devo dire che è stato ancor più bello scoprire che quello che immaginavo era la metà di quello che lei poi mi avrebbe detto. Un vero sballo.
    PS . durante il lungo inverno il canada non mi attira….ma in questa stagione è una favola!!!

    • Reply
      mammacongelo
      ottobre 14, 2014 at 6:06 pm

      Alla soglia dei 17 mesi passati il nano non ha ancora proferito verbo.. attendo di sapere che gli passa per la testa. In questo stagione il Canada dà il meglio di sé. Peccato sia quasi giunto al termine il periodo “caldo”!

  • Reply
    costanza
    ottobre 14, 2014 at 8:52 pm

    ahahah Merdolo, TOP!
    Meravigliosi questi paesaggi: tra le foto del weekend alla casa sul lago e queste, non saprei quali scegliere! 🙂

  • Reply
    trentazero
    ottobre 15, 2014 at 4:43 pm

    Bello lui, non parla ma capisce tutto. 🙂 🙂

  • Leave a Reply

    Questo blog utilizza i cookie per migliorare l\\\'esperienza di navigazione, nel rispetto dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. More Info | ACCETTO