EXPAT MOM

E’ femmina. Non sono pronta.

20 settimane.
5° mese di gravidanza.
Femmina.
Non sono pronta.
Aspetto una bimba e sono felice, anche se non ho ben realizzato cosa questo comporti.
Sono mamma di un maschio da quasi 3 anni, mi sono sempre sentita “mamma di maschi”, mi trovo bene in questa veste che mi calza a pennello.
Invece nella mia pancia ora sta crescendo una bimba, che al suo arrivo si aspetta di trovare “una mamma di femmine”. Una mamma che sappia fare le trecce delle principesse, a cui piaccia giocare con la Barbie e che si riempia la casa delle sue amichette per giocare a prendere il tè, tra gonne di tulle e paillettes. L’idea di avere in casa un esercito di bimbe mi spaventa, <Bambine venite fuori a giocare, ho chiamato l’animazione, c’è il clown!>. Sì, peccato sia il clown di Stephen King.
Non sono pronta.
Poi figuriamoci, io detesto il rosa.
Anche i fiocchi.
Il mondo delle figlie femmine è così lontano da me, dal mio carattere, dal mio essere, dai miei gusti.
Il mondo delle femmine è gentile, romantico, rosa -troppo rosa-, da favola… io sono un maschiaccio sarcastico con la grazia di un caterpillar.
Mi sento impreparata, in difetto, ignorante in materia e ho paura.
Inoltre sono indietro con i lavori.
Al 5° mese della prima gravidanza avevo mille cose da fare, o almeno così mi sembrava, circondata da cataloghi sceglievo tra culle, carrozzine e fasciatoi, mi informavo su corsi preparto, respirazione…e poi mi è toccato il cesareo, ‘azz. Ora, controlli medici a parte, non mi sembra di fare nulla per lei, di non prenderla in considerazione, non ho neanche fatto acquisti.
Non faccio acquisti perché non sono pronta per farlo. Non è ancora il momento.
Se non fosse per i pantaloni che non si allacciano più, e per l’ingombro della pancia che cresce, mi dimenticherei persino di essere incinta, troppo presa dalla routine quotidiana e dallo stare dietro al piccoletto, futuro fratello maggiore:
Lei allora, risentita, si fa sentire, con una capriola all’indietro e una tiratina alla vescica, usata come campanello, mi fa correre in bagno.
Lei c’è già, è già presente, è già una realtà anche se al momento io posso solo immaginarla.
Lei c’è e non ha un nome.
Soprannomi tanti: Autre, Belarda, Puzzola e Calciatrice per quando mi prende a calci ricordandomi della sua presenza.
Le sto già sulle balle.
Ragazza intelligente.
Sa che dovrà insegnarmi tutto, partendo dalle basi, perché in questo mondo al femminile io non sarò una guida per lei, percorreremo insieme questo territorio avventurandoci tra bambole ed unicorni. Farò un sacco di errori e ne rideremo insieme, tra un rigurgito e un pannolino mal allacciato prima ed una gonna messa al contrario poi. Perché non mi interessa essere una madre perfetta, le madri perfette,  mistici esemplari di cui tutti parlano ma che nessuno ha mai visto, devono essere di  una noia mortale.
Il rosa continuerà a non piacermi ma proverò ad essere la madre migliore per lei, che è già la bimba migliore per me.

You Might Also Like

19 Comments

  • Reply
    elisabetta
    marzo 22, 2016 at 3:10 pm

    Wow! Femmina!!!! Vedrai che sarai la mamma migliore del mondo per Lei!!! E poi (anche se a me piace un sacco) ci possono essere tanti colori diversi dal rosa… bianco, beige, giallo, verde, arancione, lilla, blu (le femmine vestite di bianco & blu sono la cosa più elegante sulla terra)!!! Sarà più difficile trovare questi capi in commercio (vuoi mica una vita da mamma-bis facile-facile, no?)… Ma la “Calciatrice” sarà felice ugualmente perchè ha una bella famiglia che la circonda: è questo quello che conta!!!!
    P.s. Le madri perfette sono come i mostri sotto il letto, non esistono… e, se davvero ci fossero, farebbero davvero paura! 🙂
    Un abbraccio Eli (bis mamma di maschi)

  • Reply
    Marco Madonia
    marzo 22, 2016 at 3:30 pm

    Congratulazioni 🙂 Bellissimo post!

  • Reply
    Un'alessandrina in America
    marzo 22, 2016 at 3:37 pm

    Nessuna è nata madre di femmina.. Garantisco! Io non sopporto il rosa: mia figlia a 14 anni quando vedeva le sue foto da neonata mi accusava di vestirla da maschio. Ora dice che era molto chic😜 Tua figlia ( basta che non me la chiamiBelarda please!) avrà mille fortune : una mamma simpatica ironica e che non si prende troppo sul serio, e due uomini adoranti in casa!!! Il fratellone maggiore la proteggerà sempre , ricordatelo! Baci!!!

  • Reply
    Simona
    marzo 22, 2016 at 3:57 pm

    Non ti spaventare Ale anche io ero più terrorizzata dalla seconda gravidanza piuttosto che dalla prima e aspettavo di nuovo una femmina…mi sentivo in colpa per tutto per il riciclo dei vestiti per la posa attenzione agli sforzi mi incolpavo persino di non scrivere tutti i giorni su di un diario come avevo fatto per Emma…ma la paura più grande era quella di non saperla amare come si sarebbe meritato per il troppo amore che avevo provato quando era nata sua sorella…e poi una volta nata e’ svanita ogni mia paura…il bene che le voglio e’ pari a quello che voglio a sua sorella sono due bambine tanto diverse quanto complementari e ognuna a suo modo ha un pezzo del mio cuore!!

  • Reply
    Tatiana
    marzo 22, 2016 at 4:33 pm

    Magari ha preso da mamma ed è un supermaschiaccio…

  • Reply
    Mamma Far and Away
    marzo 22, 2016 at 4:48 pm

    Ciao Alessia, non potevo non commentare. Io mamma di femmina dopo essere stata per 4 anni mamma di due maschi. Io, come te, non so da paiettes e luccichini e odio il rosa. Ma c’e’ tanto, tanto altro in questo mondo di femmine. La mia bimba adesso ha 5 anni, segue i suoi fratelli ed il mio modo di fare la mamma non e’ cambiato, non e’ cambiato con lei. Assecondo qualche suo piccolo desiderio di gonne e rosa che dura poco, perche’ poi ripassa alla praticita’ di pantaloni, jeans e tuta. E’ determinata e sa il fatto suo, perche’ ha dei fratelli maschi da cui “difendersi” e con cui farsi valere. Sara’ un’esperienza bellissima per te, per lei, per voi. Goditi questi mesi di pancione, di movimenti, di chiacchiere tra voi due e noi da lontano vi seguiremo. In bocca al lupo
    P.S: ultimamente ho tante amiche “virtuali” che hanno partorito da poco ed e’ bellissimo seguire le loro gravidanze tramite i blog! 😉

  • Reply
    La Cri - Ominouovo
    marzo 22, 2016 at 5:12 pm

    Ale Poldina è la conferma, per ora, che c’è la si può fare! Anche io sono come te, mamma di maschi dentro, rosa repellente, e ignorante sul mondo delle principesse.
    Lei per ora si veste coi vestiti del fratello, o con quelli che ho preso io, jeans e giallo-ominouovo.
    Il primo gioco che le ho dato in mano è stato un dinosauro e quando il fratello.gioca col pallone…se la ride di gusto. 😉

  • Reply
    giovanna goffi
    marzo 22, 2016 at 8:45 pm

    Carissima Alessia, io sono stata mamma di un maschio per 9 anni prima dell’arrivo della “femmina” e anch’io non ero pronta.
    Anche a me non piacciono il rosa, le barbie e i fiocchi ed ero terrorizzata all’idea di avere una “bimbamin..ia” per figlia…
    Tu hai conosciuto Martina ed è esattamente quel tipo di figlia che volevo. Sicuramente l’influenza del fratello maggiore ha avuto il suo peso e l’attività sportiva che ha scelto e che ancora pratica e che ami anche tu sicuramente l’ha portata ad essere una “Femmina” con la F maiuscola… vivi serena questi mesi che ti restano di attesa e poi quel che sarà sarà e con una mamma come te sarà sicuramente il meglio che tu possa desiderare…. ti faccio tanti tanti auguri e ti abbraccio forte forte

  • Reply
    Mocaliana
    marzo 22, 2016 at 10:13 pm

    Ti ricorderai di te piccola e sarai un’ ottima mamma da femmina, vedrai!
    È già bellina nella pancia!

  • Reply
    Eli
    marzo 23, 2016 at 10:19 am

    Ciao, io sono appena tornata dal ginecologo. Avevo un ritardo e speravo di essere incinta. Della mia quinta femmina☺. Ma mi sa che è un ritardo dovuto ai quarantanni😬.
    Qui odiamo il rosa. Gli sport sono nuoto e tennis. Abbiamo trenta barbie, ma la cosa bella è che giocano tra di loro o da sole. Anzi la mia prima figlia vuol sempre qualcuno intorno. Le altre tre adorano giocare da sole. Evviva le pance. Baci grandi.
    Eli

    • Reply
      mammacongelo
      marzo 29, 2016 at 2:49 pm

      4 femmine?? Sono una tua fans, tu sei meglio di wonder woman! 😉

  • Reply
    mammaalcubo
    marzo 23, 2016 at 11:31 am

    Sarà una bellissima bimba vestita di verde e blu 🙂

  • Reply
    veronica alberti
    marzo 23, 2016 at 11:39 am

    mamma di una femmina dopo unmaschio e misembrava di onessere prota esatamente come te……….. adesso ho unmaschio e 4 femmine ….e continuoad odiare il rosa che al contrario di me una mi a figlia adora……. goditela e il blu èuno splendido colore maanchel’arancio…

  • Reply
    Marzia
    marzo 23, 2016 at 12:54 pm

    Io ero un maschiaccio, odiavo il rosa, ho avuto una femmina…ebbene le femmine non sono solo rosa e paillette, sono molto altro per certi versi sono molto più avanti dei maschi, ringrazio ilcielo di avere una femmina !
    Vedrai che ti stupirà !

    Marzia

    • Reply
      mammacongelo
      marzo 29, 2016 at 2:50 pm

      Infatti non è Lei che mi preoccupa… non so se sarò io “all’altezza”.

  • Reply
    costanza
    marzo 24, 2016 at 1:04 pm

    Ale ci sono 50 sfumature di rosa ma non è detto che tu le debba usare per forza.
    esiste il verde acqua, il giallo canarino, il panna, il beige-crema-tortora, il rosso e le varie cromie annesse e connesse.
    Sarai una mamma un po’ più scasciata delle altre, meno principessosa ma lo stesso veeeeeeeeery funny. e allora?! sarà una figa lo stesso e con Merdolo davanti a sè, non credo che ci sarà troppo posto per Barbie e paillettes. Al massimo qualche lego al femminile…. 🙂

  • Reply
    Francesca
    marzo 28, 2016 at 10:53 pm

    Just so you know…
    quando la mia bimba cresceva nella pancia progettavo di essere per lei la mamma che avrei voluto avere. Niente rosa, niente pailettes, niente ballerine e niente gonne a ruota. Soprattutto niente collant. Sì a tutti gli sport del mondo, a quelli che ti lasciano mille cicatrici e a quelli in cui devi correre dietro a un pallone come i cani. No ai lustrini, sì al fango.

    Mia figlia ha scoperto verso i due anni che esistevano altri colori oltre al rosa. Crede che sport sia sinonimo di danza classica, quando invito ospiti a casa e impongo il dress code “tuta da ginnastica”, lei non riesce a presentarsi a cena senza vestirsi da principessa. Non riesce neppure a passare davanti ad uno specchio senza rimirarsi in tutte le angolazioni possibili.

    Mi dispiace dirtelo, ma la tua vocazione da caterpillar nulla potrà contro il suo essere. Se sceglierà di essere femmina lo sarà, se deciderà di essere un maschio con i capelli lunghi lo sarà. Non siamo noi mamme a fare le nostre figlie.

    E quindi sarai una fantastica mamma di femmina 🙂

    • Reply
      mammacongelo
      marzo 29, 2016 at 2:51 pm

      “Non siamo noi mamme a fare le nostre figlie” grande verità con cui concordo appieno.

    Leave a Reply

    Questo blog utilizza i cookie per migliorare l\\\'esperienza di navigazione, nel rispetto dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. More Info | ACCETTO