EXPAT MOM QUEBEC CITY

L’amore è un mutaforma.

L’Amore è un mutaforma.

L’Amore di per sé è timido, spesso si nasconde per non farsi trovare. Se nel corso della tua vita lo vedrai, anche solo per un attimo, ecco che quell’istante varrà tutto il tempo e le energie che hai speso durante la sua ricerca. Tutti noi cerchiamo l’Amore. Trovare l’Amore equivale a trovare un tesoro.

Questo weekend l’Amore mi si è presentato sotto forma di due non più giovanissimi québécoise, i miei ex vicini di casa, che da Montréal sono venuti a Québec solo per passare del tempo con noi.
In Italia ho dei vicini? Forse, non credo di averli mai visti in faccia.
Vivendo lontano da casa, a digiuno di affetti ed in astinenza da abbracci, trovare persone che da estranee diventano amiche fino poi a costituire parte integrante della nostra famiglia, al di qua dell’Oceano, per noi è stato proprio come trovare un tesoro.
A Montréal i miei vicini di casa sono stati per me una presenza fondamentale, un aiuto, una compagnia, un punto di riferimento; sono diventati a tutti gli effetti i “nonni adottivi” di Merdolino.
Lei mi ha aiutato col francese e io le ho insegnato a fare il ragù mentre Lui faceva giocare il piccoletto col cane, entrambi lo hanno tenuto a bada durante le mie influenze permettendomi di riposare, ci hanno invitato nel loro chalet al lago per le feste, sono andati a prendere Merdolo in garderie mentre io ero in ospedale e House bloccato a lavoro, abbiamo trascorso interi pomeriggi tutti insieme al parco Maisonneuve ed è grazie a loro se io ed House siamo riusciti a ritagliarci del tempo solo per noi.

Al telefono Mireille era titubante, preoccupata che il piccoletto non la riconoscesse; contro ogni sua aspettativa appena sono arrivati lui le è corso incontro urlando: -Mimiiiii!!-.
Ed eccolo lì l’Amore, negli occhi felici di lui e in quelli di Lei. L’Amore come desiderio di rivedere un bambino, quel nipote italiano che ha visto gattonare prima e correre poi, che due anni fa è entrato per caso nella sua vita e non né è più uscito. Quel bambino su cui lei riversa tutto il suo affetto di nonna, in attesa di un “vero” nipote che ancora non c’è.
Ecco l’Amore sotto forma di un tenero abbraccio tra me e JP che mi saluta tremante ed emozionato; a giugno, il giorno del rientro in Italia, mi telefonò mentre ero in aeroporto ma non riuscì a parlare, la voce spezzata dalle lacrime. Mi commossi e piansi anche io.

Mi mancano e noi manchiamo a loro. Siamo stati fortunati a stringere un rapporto così forte e sincero di affetto reciproco con due “estranei” lontano da casa. Hanno conquistato un posto nel mio cuore, anzi nel cuore di tutti noi.
Hanno portato a Merdolino un regalo, un elicottero praticamente di dimensioni reali, che si aggiunge alla sua collezione di giochi.
Lo conserverò con cura, per quando sarà più grande, quando gli racconterò che l’amore è un mutaforma e, a volte, si presenta anche sotto forma di elicottero.

 

You Might Also Like

15 Comments

  • Reply
    Maddalena
    settembre 29, 2015 at 10:31 am

    Che bello. Ti capisco e non ti capisco: ti capisco perché qui in Italia, come hai detto, i vicini sono le persone spesso più lontane… mi immagino se invitassi i miei qui a tenere 3 infanti, mi manderebbero a cagare pronti via. Per dirne una: tempo fa incrocio quello del piano di sopra, avevo partorito da poco. Mi chiede ‘come stai?’ e nemmeno vede il bimbo. Gli dico ho partorito: ‘Ah, eri incinta?’
    E non ti capisco nel senso che non so immaginare un rapporto così bello, è una cosa fantastica!

  • Reply
    Roberta Ungheretti
    settembre 29, 2015 at 12:24 pm

    No vabbè…. ma quante lacrime!!!!! e’ bellissimo… complimenti
    Il tuo modo di scrivere tutto cuore e pochi fronzoli lo adoro.. le tue storie e i tuoi personaggi sono (o diventano) adorabili grazie alla tue dita sui tasti!!!

    ancora ancora ancora

    ro

    • Reply
      mammacongelo
      settembre 29, 2015 at 2:17 pm

      Credo il commento più bello che abbia mai ricevuto da quando è nato il blog. Grazie di cuore.

  • Reply
    Claudia
    settembre 29, 2015 at 2:44 pm

    Ma pensa come gli si sara` aperto il cuore quando hanno saputo che per un po’ ancora vi avrebbero avuti ad una distanza ragionevole. Mentre scrivo rivedo i boschi che separano Montreal da Quebec, li avranno attraversati in macchina pieni di emozioni!

    • Reply
      mammacongelo
      settembre 29, 2015 at 3:04 pm

      Quando abbiamo annunciato la nostra partenza da Montréal erano molto tristi, sono molto legati al piccoletto. Ma ancora prima di partire ci avevano promesso che sarebbero venuti a trovarci e così è stato! 🙂

  • Reply
    claudia
    settembre 29, 2015 at 2:52 pm

    Brava alessia! Il tuo modo di raccontare ciò che vivi e le tue emozioni è davvero magnifico. Trasporta noi lettori nel tuo mondo e per un attimo è come se ne facessimo parte tutte noi

    • Reply
      mammacongelo
      settembre 29, 2015 at 3:02 pm

      Oggi è la giornata dei commenti superbelli! Grazie.
      Grazie a te che partecipi alla mia vita anche solo leggendomi. Sono felice di “portarvi” nel mio mondo! 🙂

  • Reply
    La Cri - OMINOUOVO
    settembre 29, 2015 at 3:49 pm

    Che bello poter far affidamento su “nonni” così quando i nonni veri non possono venire in aiuto. Quello che manca a me!
    Grande ale, bellissimo post!

  • Reply
    Annika
    settembre 29, 2015 at 10:41 pm

    Un racconto emozionante 🙂 bravissima, hai reso davvero quanto sia stato un momento speciale per voi!

  • Reply
    mimma
    settembre 30, 2015 at 8:04 am

    Ale ho riletto oggi questo post. Vivendo lontano capisco quanto questo legame e queste attenzioni possono farti stare bene.
    Devo dire che hai commosso pure me, nel racconto di quell’abbraccio tra mimi….e il piccolino.
    sei davvero dolce.

    • Reply
      mammacongelo
      settembre 30, 2015 at 3:44 pm

      Chi, io? Dolce? Cavolo e pensare che cerco di nasconderlo! 🙂 Grazie

  • Reply
    Top post dal mondo Expat #14.9.15 e #21.9.15 | Mamma in Oriente
    ottobre 8, 2015 at 9:40 pm

    […] “L’amore è una mutaforma” del blog “Mammacongelo” dal […]

  • Reply
    Gilda
    ottobre 9, 2015 at 8:46 am

    <3

  • Leave a Reply

    Questo blog utilizza i cookie per migliorare l\\\'esperienza di navigazione, nel rispetto dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. More Info | ACCETTO